Linee guida per una replica

Rispondi
Minimumtax
Utente Sospeso
Messaggi: 30
Iscritto il: 23.02.2012, 9:29
Nome: Luigi

Linee guida per una replica

Messaggio da Minimumtax » 26.02.2012, 10:12

Apro questo topic perché i più esperti suggeriscano come fare. Inizio con una domanda: è corretto fare una replica con pezzi originali?

Gio Andreale
Utente
Messaggi: 3323
Iscritto il: 14.10.2009, 11:48
Nome: Gio Andreale

Re: Linee guida per una replica

Messaggio da Gio Andreale » 26.02.2012, 17:42

Luigi perchè queta domanda?
Tu pensi che una replica debba avere anche le repliche dei pezzi?
Oppure a che pezzi ti riferisci in particolare?
Cruscotto? Volante? Motore?
Io parto con una mia idea.
La replica per essere replica dovrebbe essere tal quale all'originale senza ancun fronzolo...

Avatar utente
Bufa500
Utente
Messaggi: 94
Iscritto il: 24.07.2009, 19:42
Nome: Giuseppe
Provincia: Siracusa

Re: Linee guida per una replica

Messaggio da Bufa500 » 26.02.2012, 18:05

Gio Andreale ha scritto:Luigi perchè queta domanda?
Tu pensi che una replica debba avere anche le repliche dei pezzi?
Oppure a che pezzi ti riferisci in particolare?
Cruscotto? Volante? Motore?
Io parto con una mia idea.
La replica per essere replica dovrebbe essere tal quale all'originale senza ancun fronzolo...
Quoto! basta poco e da abarth diventa aborth, che sono anche le più replicate. :arg: :arg:
Cos'è il genio? Fantasia, Intuizione, colpo d'occhio, velocità d'esecuzione.
Immagine

Minimumtax
Utente Sospeso
Messaggi: 30
Iscritto il: 23.02.2012, 9:29
Nome: Luigi

Re: Linee guida per una replica

Messaggio da Minimumtax » 26.02.2012, 18:13

Naturalmente trattiamo di repliche delle Giannini e Abarth. Concordo che tanto più una replica sia tale e quale all'originale, quindi senza alcun fronzolo o interpretazioni personali.... tanto migliore sia. Tuttavia penso proprio che i particolari necessari a farne, partendo da una 500, un tipo di Giannini o Abarth dovrebbero essere essi stessi delle repliche di quelli originali.
Sostengo questo perché a mio parere non ne vale proprio la pena di cercare pezzi originali, a costi molto alti, per un risultato che sarà pur sempre una replica e mai l'originale, favorendo da una parte le speculazioni (repliche vendute a prezzi assurdi) e, peraltro, sottraendo al mercato pezzi originali da poter utilizzare per i restauri delle autentiche contribuendo a farli diventare sempre più costosi.
Ultima modifica di Minimumtax il 26.02.2012, 18:16, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Simone.Benzoni
Utente
Messaggi: 729
Iscritto il: 23.05.2009, 21:38
Nome: simone

Re: Linee guida per una replica

Messaggio da Simone.Benzoni » 26.02.2012, 18:14

Bufa500, ce ne sono tante... e tanti, che dicono... ho l'abarth 595!!! replica è perfetta! poi la guardi e c'e un miscuglio di tutto... Minimumtax, secondo me si, dovrebbe avere pezzi anche originali, o comunque nuovi ma uguali o migliori dei "vecchi" il valore sale maggiormente! :mrgreen:
NON ESISTONO AUTOMOBILI VELOCI....MA SOLO PIEDI PESANTI!!!

Gio Andreale
Utente
Messaggi: 3323
Iscritto il: 14.10.2009, 11:48
Nome: Gio Andreale

Re: Linee guida per una replica

Messaggio da Gio Andreale » 26.02.2012, 18:23

Minimumtax ha scritto:Naturalmente trattiamo di repliche delle Giannini e Abarth. Concordo che tanto più una replica sia tale e quale all'originale, quindi senza alcun fronzolo o interpretazioni personali.... tanto migliore sia. Tuttavia penso proprio che i particolari necessari a farne, partendo da una 500, un tipo di Giannini o Abarth dovrebbero essere essi stessi delle repliche di quelli originali.
Sostengo questo perché a mio parere non ne vale proprio la pena di cercare pezzi originali, a costi molto alti, per un risultato che sarà pur sempre una replica e mai l'originale, favorendo da una parte le speculazioni (repliche vendute a prezzi assurdi) e, peraltro, sottraendo al mercato pezzi originali da poter utilizzare per i restauri delle autentiche contribuendo a farli diventare sempre più costosi.
Luigi qui mi trovi perfettamente daccordo.
Inutile spende un mare di soldi su una replica per dei particolari originali.
Ti faccio l'esempio di un cruscotto per una 595.
E' stato venduto a Milano un originale a 1700 euro mentre con circa 600 euro si trova una bella replica.
G

ps Luigi sei nuovo ma sei partito alla grande!!!

Afragolese
Utente
Messaggi: 2926
Iscritto il: 09.04.2009, 11:31
Nome: vincenzo

Re: Linee guida per una replica

Messaggio da Afragolese » 27.02.2012, 7:24

ho un amico che è partito da una 500 mezza distrutta,per poi voler fare una replica giannini.ora ha tante di quelle modifiche che ci vorrebbero pagine per scrivere tutto quello che ci ha speso e modificato.
inoltre ha migliorato sia la sterzata(preso dal 126)che la frenata(freno a disco ant e post)e doppio serbatoio liquido freni(127 modificato)con addirittura la spia liquido olio.
per il motore è il terzo o quarto che fa.ora è a 700cc e ha le bielle dino ferrari e carburatore ferrari(non ricordo il modello)
secondo voi,non essendo una replica,di originale ci sono solo i cerchi giannini da 10 e lo stemma anteriore(100 euro :picchiatesta: ) la 500 quanto dovrebbe valere?dico per ipotesi visto che so che non la venderà mai

Minimumtax
Utente Sospeso
Messaggi: 30
Iscritto il: 23.02.2012, 9:29
Nome: Luigi

Re: Linee guida per una replica

Messaggio da Minimumtax » 27.02.2012, 12:11

Credo che dovremmo essere tutti d'accordo nel ritenere che non basti una mascherina Giannini o Abarth, sia essa rifatta o originale (che non credo si trovi a 100€ e non sapendo quali siano i cerchi Giannini da 10"), per poter affermare che sia una replica. In sostanza, la suddetta 700 credo che avrebbe più o meno lo stesso valore qualora conservasse la mascherina Fiat. Forse in certi casi sarebbe simpatico montare delle mascherine personalizzate (non so se esistano però)! ;)
P.S. Anche le bielle Dino e certi carburatori originali andrebbero tenuti da conto.

Rispondi

Torna a “Giannini”