"i carburatori da 28"

Avatar utente
Mantovasud
Utente
Utente
Messaggi: 1572
Iscritto il: 12.02.2016, 17:02
Nome: Emidio
Provincia: Mantova

Re: "i carburatori da 28"

Messaggio da Mantovasud » 07.12.2018, 7:21

Se abbiamo un motore modificato ci dobbiamo preoccupare di sostituire il carburatore, se non lo facciamo ci accontentiamo intervenendo su quello a disposizione.

Il carburatore WEBER da 28 mm montato sulla 126 offre poche possibilità di modifica, fra queste, impone la necessità di aumentare il diametro del diffusore mediante l'alesatura del medesimo..diverso nel Dell'Orto, qui è possibile la sostituzione permettendoci di preservare il carburatore nelle condizioni integrali.
Anche se nel Dell'Orto viene eliminato fisicamente il carburatore resta INTEGRO, diverso nel Weber essendo stampato per fusione nel corpo..

Io, SONO CONVINTO CHE VA BENE...a me un lavoro così non da soddisfazione...cambio tutto e poi resto con il carburatore "originale", magari con la trombetta.. questi carburatori si montano perchè sono facili da mettere a punto oltre offrire una buona resa, tutto qui.
Se proviamo il motore della nostra 500 dopo che ha subito alcune modifiche meccaniche siamo super soddisfatti..se intervenendo con altri carburatori non è stato possibile andare oltre, non possiamo affermare che quelle sono le condizioni migliori, forse le meglio che siamo riusci ad ottene, quello si.

Oggi alcuni carburatori sono come le mosche bianche..ieri davano la possibilità di adattarsi perfettamente ai nostri motori, farli funzionare bene e per quello che era il nostro stile di guida.. rendendo giustizia al motore e magnificavano il lavoro del meccanico.

:s
Chi trova un tesoro...trova un sacco di amici.
(mimidiroma)

Avatar utente
Lianca
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 1412
Iscritto il: 11.02.2013, 13:42
Nome: Luigi
Provincia: Treviso

Re: "i carburatori da 28"

Messaggio da Lianca » 07.12.2018, 8:36

Sostanzialmente sono d'accordo
Per elaborare un motore non servono tantissimi soldi...ne servono certamente se vuoi un motore che punti ad un elevato numero di giri,in quel caso devi avere materiali di ottima qualità.
Puntare sui giri ci vogliono camme particolari e valvoloni... che un carburatore piccolo ne mortificano le prestazioni,ecco che entrano in campo i Dcoe ecc...
Elaborare un motore stradale con un po' di criterio stai in sicurezza anche con pezzi originali,quindi costi contenuti
Se poi monti la quinta marcia i 140 km Ora stanno dietro l'angolo , e un 28 facilissimo(come giustamente dici)da carburatore ti da uno spunto che forse non conosci ,non per colpa tua, ma per tua stessa ammissione,affermando che su 500 elaborate hai messo mano poche volte.
Il vantaggio del 28 é che ti dà una qualità di prestazioni a tutti i regimi, non si ingolfa, e fino a 6000 giri...o poco meno é ottimo,ed in salita é una favola.
Chiaro che se lo confronti con motori alla "Febo"non ci sono paragoni...inutile ricordarlo
Ciao :?

Avatar utente
Mantovasud
Utente
Utente
Messaggi: 1572
Iscritto il: 12.02.2016, 17:02
Nome: Emidio
Provincia: Mantova

Re: "i carburatori da 28"

Messaggio da Mantovasud » 07.12.2018, 9:06

Febo, fa le preparazioni per mestiere...non credo che fa quei lavori a tempo perso, se si vogliono ottimizzare i costi ci sono tutte le opzioni..

Confermo che di motori modificati non ho esperienza..questo non vuole dire che non saprei come intervenire.

A me non piacciono le mezze misure, quello che occorre si fa, non si rimedia o tanto è uguale..mettiamo cinghie dentate, radiatori olio, coppe e coperchio punterie, ruote e alternatori... per poi tirare il freno sul carburatore, è la prima cosa che si osserva alzando il cofano.

:s
Chi trova un tesoro...trova un sacco di amici.
(mimidiroma)

Kawaninja
Utente
Utente
Messaggi: 718
Iscritto il: 16.02.2014, 9:51
Nome: paolo
Località: Torino
Provincia: Torino

Re: "i carburatori da 28"

Messaggio da Kawaninja » 07.12.2018, 9:16

Concordo su tutto.
nel mio piccolo posso ritenermi soddisfatto di quanto ottenuto, ma la voglia di sperimentare cè e quindi ho preso 2 getti 130 e 135 e appena possibile proverò a togliere il diffusore dell'FRG e provarla su strada.

Avatar utente
Lianca
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 1412
Iscritto il: 11.02.2013, 13:42
Nome: Luigi
Provincia: Treviso

Re: "i carburatori da 28"

Messaggio da Lianca » 07.12.2018, 9:35

Kawaninja ha scritto:
07.12.2018, 9:16
Concordo su tutto.
nel mio piccolo posso ritenermi soddisfatto di quanto ottenuto, ma la voglia di sperimentare cè e quindi ho preso 2 getti 130 e 135 e appena possibile proverò a togliere il diffusore dell'FRG e provarla su strada.
Ciao,non ho capito con chi concordi

Kawaninja
Utente
Utente
Messaggi: 718
Iscritto il: 16.02.2014, 9:51
Nome: paolo
Località: Torino
Provincia: Torino

Re: "i carburatori da 28"

Messaggio da Kawaninja » 07.12.2018, 9:41

Concordo che il 28 è un ottimo compromesso, ovviamente tutto è perfettibile ma a costi importanti.
nel mio piccolo non mi interessano le prestazioni assolute ma di otimizzare al max cio che ho attualmente con la minore spesa possibile.

secondo la vostra esperienza se sono ok con l'attuale configurazione getto max 125 e diffusore alesato a 22,5mm togliendo il diffusore del tutto e mettendo un getto da 130 - 135 posso essere corretto (come punto di partenza di massima) o devo procurarmi getti piu grossi tipo 140 - 145 ?
io ho il filtro lavabile inserito nell'airbox anche

Avatar utente
Lianca
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 1412
Iscritto il: 11.02.2013, 13:42
Nome: Luigi
Provincia: Treviso

Re: "i carburatori da 28"

Messaggio da Lianca » 07.12.2018, 9:56

Se guardi la discussione "condotto perfetto"io ho fatto anche quella modifica, e funziona.
Sul carburatore mi sembra di averti già detto qualche messaggio indietro
Ciao

Kawaninja
Utente
Utente
Messaggi: 718
Iscritto il: 16.02.2014, 9:51
Nome: paolo
Località: Torino
Provincia: Torino

Re: "i carburatori da 28"

Messaggio da Kawaninja » 07.12.2018, 10:01

Cerco la discussione allora e me.la leggo

Ciao

Avatar utente
Mantovasud
Utente
Utente
Messaggi: 1572
Iscritto il: 12.02.2016, 17:02
Nome: Emidio
Provincia: Mantova

Re: "i carburatori da 28"

Messaggio da Mantovasud » 07.12.2018, 16:45

Vogliamo alesare al limite il diffusore nel Weber, nel Dell'Orto addirittura vogliamo toglierlo..il Dell'Orto è sicuro che il carburatore in questione è il 28 FRG ?
Esiste anche un 28 FRD, apparteneva alla 600 D (750)..questo ha la POMPA DI RIPRESA, in questo caso le cose cambiano e di molto.

Se il carburatore è munito della pompa di ripresa la larghezza del condotto/diffusore non pone dei problemi, se necessita una correzione per l'eccessiva magrezza all'apertura della farfalla si può intervenire con il getto (pompa) o la taratura.
Altrimenti si è costretti (???) ad arricchire la carburazione tramite il getto di freno e dal max etc..per mandarla bene in un modo può darsi che creiamo delle difficoltà in un'altro.

Quando il diametro del diffusore comincia ad essere importante, all'apertura della farfalla si ha sempre un ritardo sull'alimentazione del motore, la benzina ha una sua inerzia a differenza dell'aria che essendo un gas entra immediatamente.
La pompa interviene per correggere questa momentanea anomalia, un piccolo getto e poi il flusso si arresta, quanto basta per aiutare il motore a superare la crisi..
..se si interviene arricchendo con i getti aria e benzina è "possibile" una miglioria ma, l'aumento del carburante dopo sarà continuo nel tempo, non è detto che accelerando e superata quella crisi il motore va bene, specialmente a caldo.

Magari mi sbaglio..
:s
Chi trova un tesoro...trova un sacco di amici.
(mimidiroma)

Kawaninja
Utente
Utente
Messaggi: 718
Iscritto il: 16.02.2014, 9:51
Nome: paolo
Località: Torino
Provincia: Torino

Re: "i carburatori da 28"

Messaggio da Kawaninja » 07.12.2018, 17:16

il mio è un FRG senza pompa di ripresa.

Avatar utente
Lianca
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 1412
Iscritto il: 11.02.2013, 13:42
Nome: Luigi
Provincia: Treviso

Re: "i carburatori da 28"

Messaggio da Lianca » 07.12.2018, 20:25

Emidio,penso nessuno è tanto meno io mette in dubbio le tue capacità,vorrei solo mettere a disposizione di altri i miei modesti risultati avuti con tantissime prove"incontrovertibili"
Quello che propongo (poco)non comporta nessun rischio,lascia che la gente provi,male che vada tornano indietro.
Mandami se vuoi un contatto telefonico che ti giro un paio di filmati,così ti rendi conto...vedi...teorizzare va bene ,ma a un certo punto non basta più
Prendila una 500 potresti aggiungere tanto a quello che già sai, e noi ne trarremmo un vero giovamento...la 500 naturalmente "elaborata"altrimenti il gioco non vale... ;)
Ciao

Avatar utente
Lianca
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 1412
Iscritto il: 11.02.2013, 13:42
Nome: Luigi
Provincia: Treviso

Re: "i carburatori da 28"

Messaggio da Lianca » 07.12.2018, 20:38

Frd 32,già lo conoscete Rido
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
Mantovasud
Utente
Utente
Messaggi: 1572
Iscritto il: 12.02.2016, 17:02
Nome: Emidio
Provincia: Mantova

Re: "i carburatori da 28"

Messaggio da Mantovasud » 08.12.2018, 8:21

Luigi, non metto in dubbio che va bene..tu hai un 32, il che è ben diverso dal 28.

Io, il 28, Weber, Solex o Dell'Orto sulla "mia auto con il motore modificato" non lo monterei neanche se mi frustano..non mi piace sia nella sua forma fisica come per il montaggio, non c'è armonia..aprendo il cofano proverei una delusione.

Opterei per un motore con un carburatore orizzontale, è il suo.. escluderei (io) i 40, troppo grossi come ingombro, mi piacciono gli orizzontali medi come il 32 DHLB o un 32 PHH della Fulvia, gli unici con i diffusori amovibili.
Anche il PHH della Fiat 124 e 1100 R li aveva amovibili, purtroppo, il montaggio a sbalzo sopra i collettori di scarico gli hanno reso la vita breve..
.. decisamente corta.

Il fatto che occorre allargare oltre il possibile il diffusore sta ad indicare che necessita di un sistema di alimentazione adeguato.

il 28 è facile da gestire, un sistema di alimentazione del tutto privo del collettore di aspirazione favorisce l'utilizzo di questo carburatore, non necessita della pompa di ripresa perchè la benzina è subito nei cilindri, non condensa sulle pareti del collettore e non deve fare nessun percorso tortuoso per distribuirsi nei cilindri, con poco sa farci contenti.
Non avendoli mai visti e ne sentiti funzionare, per questo tipo di carburatore con i diffusori al limite del possibile ho intuito quello che potrebbe accadere.

La benzina ci vuole..un calcolo a mente ci porta al 26 IMB 11, un millimetro in più sul diffusore (da 21 a 22) si compensa con 0,13 in più di max, dal 112 originale al 125, tutto il resto è uguale..

Ciao :s
Chi trova un tesoro...trova un sacco di amici.
(mimidiroma)

Kawaninja
Utente
Utente
Messaggi: 718
Iscritto il: 16.02.2014, 9:51
Nome: paolo
Località: Torino
Provincia: Torino

Re: "i carburatori da 28"

Messaggio da Kawaninja » 08.12.2018, 14:31

Oggi avevo tempo ed ho smontato il carburatore e l'ho lavato a fondo (era pulito però ora è perfettamente lucido)

ho tolto il diffusore a venturi per fare la prova suggerita da Lianca
ho messo il getto del max da 135 lasciando il freno da 235 (non ne ho di piu piccoli) ed il minimo da 40 (che rivedro la taratura della vite)

ho un dubbio... la valvola a farfalla non è simmetrica, quale è il verso corretto di montaggio nell'alberino?

Ciao

Avatar utente
Mantovasud
Utente
Utente
Messaggi: 1572
Iscritto il: 12.02.2016, 17:02
Nome: Emidio
Provincia: Mantova

Re: "i carburatori da 28"

Messaggio da Mantovasud » 08.12.2018, 17:49

Adesso mi trovi impreparato.
Comunque..
..facendo attenzione al foro di progressione questo deve rimanere coperto dalla valvola a farfalla una volta chiusa, la parte che si appoggia al condotto deve "ADERIRE PERFETTAMENTE" alla superficie.

Nel modo di ruotare l'asse per accelerare la farfalla inizia a scoprirlo..il suo bordo passandogli davanti deve salire verso l'interno.

La valvola a farfalla è fatta "a forma di fetta di salame", il verso è obbligato per farla aderire al condotto altrimenti è impossibile, se c'è qualche indicazione stampigliata come ad esempio i gradi dell'angolo di chiusura o altro, devono trovarsi sulla parte a noi visibile..

..a volte, i fori che la fissano sull'asse non si trovano perfettamente sulla sua mezzeria, non sono adiacenti a quelli dell'asse, la farfalla deve essere capovolta (questo è un esempio)

Devi portare a 0 (zero) la vite di registro farfalla per fare in modo che non punti sulla levetta dell'acceleratore, la farfalla non riesce ad aderire sul condotto e neanche "centrasi" per trovare la sua posizione.

fai qualche toto. :s
Chi trova un tesoro...trova un sacco di amici.
(mimidiroma)

Rispondi

Torna a “ALIMENTAZIONE”