Ultimi Sostenitori 500forum.it:
Atomo27 Maurizio Felipe500 Felipe500junior

[GUIDA] Pasta stagnante fatta in casa

Giulie555
Utente
Utente
Messaggi: 299
Iscritto il: 17.06.2009, 12:58

Re: GUIDA: Pasta stagnante fatta in casa

Messaggio da Giulie555 » 27.10.2009, 19:48

un'ultima cosa...Dopo aver posto la pasta sul pezzo appena saldato bisogna scaldare il tutto con la fiamma o, come hai fatto tu, con il fon x sverniciare...Ma non si rischia di deformare la lamiera con il calore? Mi scuso ancora per questi interventi, ma, prima di provare vorrei non correre rischi :roll: .... :wink:

Pi69
Utente
Utente
Messaggi: 2400
Iscritto il: 07.01.2009, 2:29
Nome: .

Re: GUIDA: Pasta stagnante fatta in casa

Messaggio da Pi69 » 27.10.2009, 20:50

una volta applicata la pasta t serve la fiamma poi x lavorare di fino il phon, x il fatto della lamiera che si deformi è una giusta osservazione , bisogna stare attenti :? non e che stai col phon puntato diverso tempo, :s

Avatar utente
Moreno
Utente
Utente
Messaggi: 469
Iscritto il: 10.01.2009, 16:21

Re: GUIDA: Pasta stagnante fatta in casa

Messaggio da Moreno » 12.11.2009, 19:09

chiedo informazione, ho visto stagnare un sottoporta e usava solamente la barretta di alluminio sulla lamiera riscaldandola con la fiamma, ora mi chiedo a che serve il decapante??? un ultima cosa, usando lo stagno superiore al 33% che cosa succede? diventa piu duro? grazie
IL MIO CUORE BATTE PER I DUE CILINDRI ........

Pi69
Utente
Utente
Messaggi: 2400
Iscritto il: 07.01.2009, 2:29
Nome: .

Re: GUIDA: Pasta stagnante fatta in casa

Messaggio da Pi69 » 12.11.2009, 19:45

il decapante serve x pulire e sgrassare bene la parte da saldare senno non attacca :? con le barrette superiori al 33% di piombo si ha una migliore resa meccanica e qualche differenza minima del punto di fusione e lavorabilità. con la sola barretta ed acido anche si puo saldare, il pastone serve x facilitare il lavoro o applicare strati minimi, quasi come un riporto galvanico :wowo!!: :s

Avatar utente
Moreno
Utente
Utente
Messaggi: 469
Iscritto il: 10.01.2009, 16:21

Re: GUIDA: Pasta stagnante fatta in casa

Messaggio da Moreno » 12.11.2009, 20:07

quindi nel spalmare la pasta sulla lamiera riscaldandola il decapante agisce pulendo lo sporco e facilita la presa allo stagno?
IL MIO CUORE BATTE PER I DUE CILINDRI ........

Pi69
Utente
Utente
Messaggi: 2400
Iscritto il: 07.01.2009, 2:29
Nome: .

Re: GUIDA: Pasta stagnante fatta in casa

Messaggio da Pi69 » 12.11.2009, 20:10

si, e t rimane la parte gia stagnata x applicarci molto "facilmente" il materiale d'apporto :s

Fede78
Utente
Utente
Messaggi: 331
Iscritto il: 20.07.2008, 21:28

Re: GUIDA: Pasta stagnante fatta in casa

Messaggio da Fede78 » 14.12.2009, 10:32

Ammazza che lavorone.
Grazie per i consigli.

Avatar utente
Ciccio1980
Utente
Utente
Messaggi: 814
Iscritto il: 11.12.2010, 23:48
Località: Monfalcone

Re: GUIDA: Pasta stagnante fatta in casa

Messaggio da Ciccio1980 » 11.01.2011, 13:58

ciao pi69 e complimenti per la tua spiegazione.
mi collego a questo tuo post per chiederti una cosa, dato che devo fare anch'io un paio di rattoppi e sto scegliendo la soluzione migliore...
allora da quanto emerge tu hai sagomto una pezza con del lamierino, per riprodurre le dimensioni originali;
poi l'hai messa sotto la lamiera originale, gli hai fatto dei fori per poi riempirli a filo..
ok come si fa per i fondi praticamente, ora il dislivello creato, ( circa 8 decimi ...tanto è la lamiera) lo riempi con la pasta saldante, per poi andarlo a levigare e far tornare tutto come se fosse il metallo originale...
ok.. ma il mio dubbio è:
se tu metti una lamiera sotto l'originale, saldata come hai fatto tu.... i lembi sovrapposti come li proteggi?????
mi spiego meglio.. il tuo lamierino inserito sotto la lamiera originale, è naturalmente piu grande del pezzo tagliato ( almeno un cm o circa per parte, dove sei andato a riempire i forelini con la filo)..... ma quel cm, risulterà non protetto, e a ferro nudo... col tempo ci metterà molto poco ad ossidarsi e riformare la ruggine no???? come lo preservi??? cosa ho sbagliato nel mio ragionamento???

grazie per l'aiuto ....

Avatar utente
Giampaolo.Malacri
Fondatore ad honorem
Fondatore ad honorem
Messaggi: 13080
Iscritto il: 04.01.2008, 12:18
Nome: Giampy
Località: Guspini
Provincia: Medio Campidano
Contatta:

Re: GUIDA: Pasta stagnante fatta in casa

Messaggio da Giampaolo.Malacri » 11.01.2011, 17:38

ciccio1980, come da regolamento ti chiedo di presentarti nell'apposita sezione http://www.500forum.it/forum/viewforum.php?f=7
saremmo lieti di darti il nostro Benvenuto
:s
non saprò una mazza ma quel poco che so mi piace condividerlo.....

Avatar utente
Duecanne
Utente
Utente
Messaggi: 3679
Iscritto il: 07.10.2010, 14:19
Nome: francesco
Località: Savigliano
Provincia: Cuneo

Re: GUIDA: Pasta stagnante fatta in casa

Messaggio da Duecanne » 12.01.2011, 8:52

pi69,


Il metodo è originale e collaudato dai nostri avi, quel disossidante detto anche borace si usava con i gassificatori a carburo per acetilene. Lo stagno che si usava in carrozzeria era composto da una lega con percentuali di piombo e alluminio tali da consentire escursione termica e dilatazione ai materiali. La tua soluzione originale ed economica purtroppo non ti garantisce la stabilità del materiale e quindi la durata dell'intervento, in caso di porosità o assestamento avresti delle cricche o crepe che intaccherebbero la verniciatura, cosa spiacevole dopo un restauro completo. Sulle alfa romeo e lancia anni 60/70 molti lamierati si accoppiavano con cordoncino ossiacetilenico e si riempiva con lega di stagno che nei primi anni 60 era di buona qualità, dopo sopratutto sulle alfetta le gt e le giulia si uso' materiale scadente ed avrete visto senz'altro screpolature sui parafanghi o sotto le guarnizioni vetro, molte alfa marcivano per questo.
Oggi ci sono prodotti all'avanguardia e di qualità, ovviamente costosi ma idonei ad un lavoro di qualità, personalmente punterei su questi per andare sicuro, sopratutto se il lavoro deve essere fatto a regola d'arte.

Avatar utente
doibaf
Staff
Staff
Messaggi: 5266
Iscritto il: 23.11.2009, 18:12
Nome: Fabio
Località: via Tuscolana
Provincia: Roma

Re: GUIDA: Pasta stagnante fatta in casa

Messaggio da doibaf » 12.01.2011, 10:10

duecanne ha scritto:pi69,


Il metodo è originale e collaudato dai nostri avi, quel disossidante detto anche borace si usava con i gassificatori a carburo per acetilene. Lo stagno che si usava in carrozzeria era composto da una lega con percentuali di piombo e alluminio tali da consentire escursione termica e dilatazione ai materiali. La tua soluzione originale ed economica purtroppo non ti garantisce la stabilità del materiale e quindi la durata dell'intervento, in caso di porosità o assestamento avresti delle cricche o crepe che intaccherebbero la verniciatura, cosa spiacevole dopo un restauro completo. Sulle alfa romeo e lancia anni 60/70 molti lamierati si accoppiavano con cordoncino ossiacetilenico e si riempiva con lega di stagno che nei primi anni 60 era di buona qualità, dopo sopratutto sulle alfetta le gt e le giulia si uso' materiale scadente ed avrete visto senz'altro screpolature sui parafanghi o sotto le guarnizioni vetro, molte alfa marcivano per questo.
Oggi ci sono prodotti all'avanguardia e di qualità, ovviamente costosi ma idonei ad un lavoro di qualità, personalmente punterei su questi per andare sicuro, sopratutto se il lavoro deve essere fatto a regola d'arte.
Visto che hai un sacco di esperienza e io sono un fissato della stagnatura negli angoli al posto dello stucco, spargi un po' di saggezza fra noi e indicaci i prodotti che conosci (marche e nomi)

doibaf

Avatar utente
Duecanne
Utente
Utente
Messaggi: 3679
Iscritto il: 07.10.2010, 14:19
Nome: francesco
Località: Savigliano
Provincia: Cuneo

Re: GUIDA: Pasta stagnante fatta in casa

Messaggio da Duecanne » 12.01.2011, 10:45

Personalmente le giunzioni e gli angoli sopratutto interni non li stagno ma uso il sigillante epossidico, la stagnatura di solito serve a riempire le soffiature di saldature o intergare raddrizzature dove non si riesce al meglio e francamente su una vettura ben lamierata da stagnare c'è davvero poco. Prodotti ce ne sono di vario genere la alluplast o stucco alluminato, stagno a freddo ecc.
Personalmente uso il max mayer "alluminato" il nome in tedesco non lo so scrivere, si tratta di un composto di stagno e alluminio in pasta che va catalizzato ed in base alla catalisi assume caratteristiche di plasticità e durezza.
Lo trovo ideale per padiglioni e parti soggette a stress meccanico come battute, piantoni o cofani, in verità lo stucco convenzionale iviplast o altri non li uso piu' da tempo in compenso uso un fondo poliacrilico molto buono che applicato a mani di 5 micron ha un ottima resa. Ovviamente parlo di prodotti professionali e nei colorifici generici non ci sono, meglio fornirsi da specialisti per materiali da carrozzeria, penso non manchino

Pi69
Utente
Utente
Messaggi: 2400
Iscritto il: 07.01.2009, 2:29
Nome: .

Re: GUIDA: Pasta stagnante fatta in casa

Messaggio da Pi69 » 12.01.2011, 12:54

duecanne, Questa guida se leggi bene dall'inizio serve solo x realizzare in casa quel prodotto "strano" che si vede nel video..... poi ognuno fa come meglio crede e x gli interventi di recupero non si puo generalizzare, ogni soluzione va valutata volta x volta :?

Avatar utente
Duecanne
Utente
Utente
Messaggi: 3679
Iscritto il: 07.10.2010, 14:19
Nome: francesco
Località: Savigliano
Provincia: Cuneo

Re: GUIDA: Pasta stagnante fatta in casa

Messaggio da Duecanne » 12.01.2011, 13:39

pi69 ha scritto:duecanne, Questa guida se leggi bene dall'inizio serve solo x realizzare in casa quel prodotto "strano" che si vede nel video..... poi ognuno fa come meglio crede e x gli interventi di recupero non si puo generalizzare, ogni soluzione va valutata volta x volta :?
Questo è vero, lo spirito della discussione era diverso ma non intendevo dare demeriti o sminuire il lavoro di nessuno. Ponevo solo una questione tecnica per quel poco che riesco a contribuire tutto qui ;)

Pi69
Utente
Utente
Messaggi: 2400
Iscritto il: 07.01.2009, 2:29
Nome: .

Re: GUIDA: Pasta stagnante fatta in casa

Messaggio da Pi69 » 12.01.2011, 18:26

duecanne, Non ti preoccupare che non ho pensato minimamente che volessi sminuire o dar demeriti, quello in foto diciamo non è proprio un lavoro ma una prova a puro scopo illustrativo, dedicata ad un noto restauratore che piu o meno tutti conosciamo :lol: diceva che era impossibile realizzare in casa quel prodotto e alchimie varie :lol: ben vengano le "questioni tecniche" mi dispiace solo che non posso essere tanto di aiuto xche non sono del mestiere :sad: :s

Rispondi

Torna a “CARROZZERIA”