Carburazione weber 40 dcom

Avatar utente
Chiuritusu
Utente
Utente
Messaggi: 10381
Iscritto il: 18.02.2011, 23:26
Nome: Luca
Provincia: Cosenza
Località: Ceriseattle

Re: Carburazione weber 40 dcom

Messaggio da Chiuritusu » 05.10.2017, 7:50

Concordo.. e riscontrato tale fenomeno!!! :?
Quel problema dello starter mi è capitato di recente, con un DCOE.. se insistevo tanto con le farfalle (e la pompa quindi) mi buttava benzina dal coperchio leva starter!!!
et voilà,et voilà... Cavuci 'nculu a' la libertà

Oleandroi
Utente
Utente
Messaggi: 1736
Iscritto il: 05.12.2013, 23:01
Nome: Francesco
Provincia: Milano

Re: Carburazione weber 40 dcom

Messaggio da Oleandroi » 05.10.2017, 10:06

Non avete mai provato a modificare i fori di progressione ? L'ho fatto su un 40 DCOE che seghettava quando pelavi l'acceleratore,problema risolto,ma si deve modificare di qualche centesimo alla volta altrimenti si rischia di ottenere l'effetto contrario. In genere succede solo con il monocondotto,con lo sdoppiato e' tutto più semplice.

Avatar utente
Chiuritusu
Utente
Utente
Messaggi: 10381
Iscritto il: 18.02.2011, 23:26
Nome: Luca
Provincia: Cosenza
Località: Ceriseattle

Re: Carburazione weber 40 dcom

Messaggio da Chiuritusu » 05.10.2017, 13:21

Si Francesco... Provato una volta sul dhla senza serie(quello che ha l'emulsionatore variabile e non fisso come i dhla siglati)... Ma non ho continuato poi nell'impresa! Ricordo che passai il foro in basso da 140 a 150
et voilà,et voilà... Cavuci 'nculu a' la libertà

Avatar utente
Mantovasud
Utente
Utente
Messaggi: 1192
Iscritto il: 12.02.2016, 17:02
Nome: Emidio
Provincia: Mantova

Re: Carburazione weber 40 dcom

Messaggio da Mantovasud » 05.10.2017, 16:37

Ciao.. :s
Anni indietro era molto facile procurarsi i carburatori...oggi, con l'esperienza maturata, pur sapendo come intervenire si agisce con prudenza...il materiale è difficile procurarlo, non'è più a buon mercato, e neanche dire prendo questo e lo provo se non ne abbiamo la certezza...oddio, lo provo se mi capita.

Un difetto che pare dovuto a quel particolare, molte volte è solo sembra, ci vuole capacità per prendere alcune decisioni e intervenire...averlo fatto con successo sui fori di progressione dimostra le qualità di chi ha intuito quel modo per eliminare un difetto, agendo senza tentennamenti, sicuro del fatto suo.

Se si sbaglia non si torna indietro. :s

Nella 500 la pompa di ripresa condiziona un po tutto, sto provando altre soluzioni...gli soppiettii a freddo si sono ridotti ma ancora presenti...tirem innanz. (??)

Mimì
Chi trova un tesoro...trova un sacco di amici.
(mimidiroma)

Avatar utente
Ape20ff
Utente
Utente
Messaggi: 929
Iscritto il: 20.11.2009, 23:47
Provincia: Nuoro

Re: Carburazione weber 40 dcom

Messaggio da Ape20ff » 05.10.2017, 21:32

Salve a tutti.
Ho trovato un'atra coppia di DCOM con due numeri diversi,potrebbe essere questa l'ultima coppia della serie Alfa?
Exploded_view_of_WEBER_40_DCOM_6-7.pdf
(385.28 KiB) Scaricato 13 volte
Questi dovrebbero essere i getti dei carburatori Peugeot.
DCOM 10-11.jpg
Getti DCOM 10-11.jpg
Ho trovato anche la coppia col DCOM 5.
DCOM 4-5.jpg
Il 4 è quello con la presa di depressione per l'anticipo,non è l'immgine dei carburatori più bella che c'era ma è quella dove si vede un barilotto attaccato alla presa in questione.
Un saluto.

Avatar utente
Chiuritusu
Utente
Utente
Messaggi: 10381
Iscritto il: 18.02.2011, 23:26
Nome: Luca
Provincia: Cosenza
Località: Ceriseattle

Re: Carburazione weber 40 dcom

Messaggio da Chiuritusu » 05.10.2017, 21:41

4-5 6-7 10-11 stanno ad indicare la coppia ossia dx e sx, varia sia nella posizione Delle levette e sia della posizione o tipologia del raccordo tubo benzina...
et voilà,et voilà... Cavuci 'nculu a' la libertà

Avatar utente
Ape20ff
Utente
Utente
Messaggi: 929
Iscritto il: 20.11.2009, 23:47
Provincia: Nuoro

Re: Carburazione weber 40 dcom

Messaggio da Ape20ff » 05.10.2017, 23:56

Salve a tutti.
Grazie, ho provato anche a riconoscere queste differenze.
Ad esmpio la coppia 6-7 del documento dovrebbe avere i raccordi invertiti rispetto alla 4-5 della foto.
Ho pensato anche potrebbero esserci diversi modelli di auto con diversi leveraggi.
Ho messo da parte anche una tabella con cinque getti come esempio, per ogni getto c'è quello consigliato in base alla diversa altitudine.
Correzione.JPG
La variazione dell'altitudine è maggiore di quella che hai sperimentato tu andando al mare,si vede che questi esempi riguardano motori meno sensibili alla variazione ed anche i getti consigliati non decrescono di molto.
Un saluto.

Avatar utente
Mantovasud
Utente
Utente
Messaggi: 1192
Iscritto il: 12.02.2016, 17:02
Nome: Emidio
Provincia: Mantova

Re: Carburazione weber 40 dcom

Messaggio da Mantovasud » 06.10.2017, 7:09

Di certo non bisogna andare in auto con i getti in tasca..,la regolazione di base è quella fornita al momento dell'acquisto, se uno abita in Alto Adige ed ha la sensibilità per riconoscere una deficienza nelle prestazioni può intervenire in quel modo.

Nelle ultime tabelle di regolazioni (tutte) la Weber indicava nelle misure dei getti aria e benz un + o - proprio per indicare come è procedere.

Nelle moto a carburatori si procedeva intervenendo sulla vite "pilot" essendo il minimo (getto e registrazione) predefinito in fabbrica.

La regolazione del Panda è la regolazione più comune che molti 500isti conoscono.

Mimì :s
Allegati
DSCN3202.JPG
Chi trova un tesoro...trova un sacco di amici.
(mimidiroma)

Avatar utente
Mantovasud
Utente
Utente
Messaggi: 1192
Iscritto il: 12.02.2016, 17:02
Nome: Emidio
Provincia: Mantova

Re: Carburazione weber 40 dcom

Messaggio da Mantovasud » 06.10.2017, 13:00

Ho dimenticato di scriverlo prima...

Se confrontiamo il rapporto che esiste tra freno aria e getto max è 2 a 1... è la correzione che ci è permessa se costatiamo delle anomalie nelle prestazioni del motore.. i getti base appartengono a un carburatore fornito di primo montaggio, quindi NON è una modifica...ma un miglioramento della stessa.

La sostituzione del getto MAX in + o -, comporta un'arricchimento o smagrimento della carburazione in tutto l'arco di funzionamento del motore, sempre.

La sostituzione del freno aria è più complessa da capire.. per ottenere le medesime prestazioni del motore la variazione va fatta insieme al MAX...in più o in meno se vogliamo aumentare o diminuire la carburazione, con esse le prestazioni e i consumi.

RIPETO, queste correzioni servono per intervenire solo su una regolazione standard, di base....in un motore modificato è quasi impossibile attuare quella procedura...trovato il top nessuno a voglia di tornare indietro, specie sulle prestazioni.

Mimì :s
Chi trova un tesoro...trova un sacco di amici.
(mimidiroma)

Avatar utente
Ape20ff
Utente
Utente
Messaggi: 929
Iscritto il: 20.11.2009, 23:47
Provincia: Nuoro

Re: Carburazione weber 40 dcom

Messaggio da Ape20ff » 06.10.2017, 20:37

Salve a tutti.
Troppo complicato per me.
In giro ho notato una foto per dare un suggerimento sulla livellatura del galleggiante.
Ho provato a cercare la procedura su di un manule per DCOE,c'è un apposito attrezzo ma non ho capito bene come andrebbe usato.
Livellatura del gallegiante-I-.JPG
Livellatura del gallegiante-I-.JPG (48.1 KiB) Visto 551 volte
Livellatura del gallegiante-II-.JPG
La dritta sarebbe quella di utilizzare in caso di necessità una rondella del giusto spessore per arrivare alla giusta distanza.
Rondella per livellatura gallegiante(-masterstyle-205rallye.it).jpg
Un saluto.

Avatar utente
Mantovasud
Utente
Utente
Messaggi: 1192
Iscritto il: 12.02.2016, 17:02
Nome: Emidio
Provincia: Mantova

Re: Carburazione weber 40 dcom

Messaggio da Mantovasud » 07.10.2017, 7:10

Quel "tondino" che si passa sotto il galleggiante è un calibro ...le scanalature presenti sulla superficie permettono di passare sotto il galleggiante per arrivare a misurare la superficie piana e non essere influenzato dalla parte sporgente che non rappresenta la superficie del galleggiante.

Quelli che registrano i galleggianti in ottone sono così, almeno i Weber...nei galleggianti in spansil sono dei comuni tondini...oppure possono essere delle dime da appoggiare nella parte interna del coperchio (Solex)...oppure mettere il galleggiante su una dima se non è fulcrato sul coperchio
Chi trova un tesoro...trova un sacco di amici.
(mimidiroma)

Avatar utente
Mantovasud
Utente
Utente
Messaggi: 1192
Iscritto il: 12.02.2016, 17:02
Nome: Emidio
Provincia: Mantova

Re: Carburazione weber 40 dcom

Messaggio da Mantovasud » 12.10.2017, 14:43

Credo di aver risolto alcune anomalie di funzionamento del DCOM..

Aspira aria da sotto il collettore di aspirazione...accertato senza ombra di dubbio, manca un prigioniero...quelli che in origine sono sulla testa.
Ho spruzzato intorno al collettore un po di Svitol, la variazione del minimo ha permesso di scoprire il guaio.. sul collettore il nero intorno al foro in prossimità del prigioniero indica un'aspirazione d'aria.

Sopra, il foro della vite, era chiuso con un mastice, credevo che internamente esisteva una vite a brugola, invece non c'è niente, il prigioniero è spezzato e il filetto è nella testa...
Qui si spiega i getti del minimo allargati a piacere e i scoppiettii a freddo mai del tutto sanati....rimaneva un po su di giri, non ero convinto che doveva andare così.

Non hanno neanche provato a toglierlo...pensare che aveva il motore a terra, forse neanche lo immaginava.

Mimì :s
Allegati
DSCN3223.JPG
DSCN3224.JPG
Chi trova un tesoro...trova un sacco di amici.
(mimidiroma)

Avatar utente
Mantovasud
Utente
Utente
Messaggi: 1192
Iscritto il: 12.02.2016, 17:02
Nome: Emidio
Provincia: Mantova

Re: Carburazione weber 40 dcom

Messaggio da Mantovasud » 13.10.2017, 9:06

Ciao :s
Vorrei risolvere il problema del prigioniero..

Ho trovato una soluzione per evitare (forando) di non centrare il prigioniero, applicando sopra il foro di aspirazione un collettore per una modifica.
Ne ho 2, ma ne trovo solo una, le avrei montate insieme per un centraggio migliore.

Essendo passati diversi decenni, vorrei far scendere il motore per fare in modo di sbilanciarlo indietro...devo togliere la traversa o è sufficiente il supporto ? Credete che sia comunque sufficiente ? Sembra che basta poco per intervenire sul foro..

Mimì
Allegati
DSCN3225.JPG
DSCN3226.JPG
Chi trova un tesoro...trova un sacco di amici.
(mimidiroma)

Avatar utente
Mantovasud
Utente
Utente
Messaggi: 1192
Iscritto il: 12.02.2016, 17:02
Nome: Emidio
Provincia: Mantova

Re: Carburazione weber 40 dcom

Messaggio da Mantovasud » 16.10.2017, 14:02

Ciao.. :s
Ho risolto il problema del prigioniero spezzato, sono riuscito a forarlo ma non incentro perfetto..

Invece della vite passante o prigioniero sto provando un'altra soluzione..vedremo, una scelta non necessariamente obbligata, comunque idonea per offrire una stabilità migliore.

Il prigioniero applicato è una parte di una barra filettata in acciaio inox, resistente alla torsione e trazione, sulla testa ho applicato un'eli-coil
Il foro sulla vite non'è dei migliori..lo faccio fare al tornio per centrarlo meglio.

Sono in attesa che mi procurino un materiale che non sia "carta" per guarnizioni e lo spessore da mettere sotto lo spinterogeno.

Fatto questo proverò l'altro spinterogeno, quello con il regolatore di anticipo manuale e le masse centrifughe diverse, appartenente Fiat -Marelli Ritmo.

Mimì
Allegati
DSCN3228.JPG
DSCN3231.JPG
DSCN3229.JPG
DSCN3230.JPG
DSCN3233.JPG
Chi trova un tesoro...trova un sacco di amici.
(mimidiroma)

Avatar utente
Ape20ff
Utente
Utente
Messaggi: 929
Iscritto il: 20.11.2009, 23:47
Provincia: Nuoro

Re: Carburazione weber 40 dcom

Messaggio da Ape20ff » 16.10.2017, 15:56

Salve a tutti.
A parte il prigioniero spezzato cosa c'era prima sul collettore?
Niente o avevano un bullone tanto per chiudere il foro?
Mi sono reso conto adesso di non averci mai fatto caso e non aver mai guardato con attenzione i particolari per il fissaggio.
Mai notato su nessun altro motore,se non fosse stata per la prova con questo bullone forato forse non mi sare mai posto il problema dei prigionieri e della loro eventuale lunghezza in base ai diversi collettori.
Un saluto.

Rispondi

Torna a “ALIMENTAZIONE”